MEDESY SPECIAL
Dott. Fabrizio Comella

Dott. Fabrizio Comella

Profilo

Fabrizio Comella nasce a milano, le spiccati doti artistiche orientano la scelta dei genitori a frequentare le scuole d’arte e seguendo la strada del fratello maggiore comincia a frequentare anche la scuola d‘odontotecnica.
Per orientare meglio gli sforzi al fine d’avere ottimi risultati viene scelta la scuola serale per poter lavorare di giorno in laboratorio e comprendere così meglio l’arte del mestiere che poi l’ avrebbe indirizzato per tutta la vita.
L’ esperienza in età molto giovane più creativa fu quella di lavorare presso il laboratorio del dott. Leo Gavazzi inventore del plastulene dove portò a termine vari esperimenti tra cui il primo gancio estetico che il dott. Gavazzi le fece fare fondendo un pezzo di sci, materiale che ancora oggi viene impiegato per i ganci estetici (tecnopolimero). Ma fu la ceramica ad essere considerata per lui una vera e propria sfida e all’età di 20 anni circa appena terminata la scuola superore apre il proprio laboratorio.
Nei dieci anni che seguono comincia a collaborare con note ditte del settore e pubblica vari articoli sulla stratificazione F.O.R. da lui ideata e realizza degli spatolini per modellare la porcellana senza però abbandonare la passione del disegno partecipando e vincendo il bando per la scelta di un nuovo disegnatore satirico di una nota testata giornalistica. Ricevuto l’incarico disegna delle vignette in prima pagina di fianco all’ articolo di fondo e l’ entusiasmo è proprio nei lettori che subito inviano alla testata le congratulazioni per il satirico vignettista.
Purtroppo però l’ impegno diventa troppo pesante e l’ esperienza rimarrà presto solo un bel ricordo non essendo possibile farla conciliare con la vita di laboratorio.
La protesi su impianti in soluzione combinata con fresaggi e attacchi viene sperimentata con le prime leghe non nobili che in quei tempi ancora non riscuotevano molta attenzione mentre venivano già molto considerate dal giovane Comella che le vedeva proiettate nel futuro per le loro ottime caratteristiche biomeccaniche. Le stesse leghe vili sono state da lui oggetto di ricerca per ottenere eccellenti risultati nella metallo-ceramica.
In seguito si ritrova nei vari laboratori in tutta italia dove tiene corsi di ceramica personalizzati e a tal proposito ricorda con un pizzico di nostalgia la collaborazione con il dott. Giampiero Bonazzi con il quale porta a termine moltissimi lavori protesici per più di dieci anni migliorando e crescendo sia nell'ambito professionale che nella vita privata. Non ancora abbastanza soddisfatto sente che ancora qualcosa si può realizzare e non più in giovane età ma ancora con tanta voglia di crescere si laurea all’ università Statale di Milano a pieni voti in cinque anni e, tra i professori universitari, ricorda con stima e affetto il professor Mario Anastasia docente in materiali dentari noto chimico e assiduo ricecatore al quale riconosce molti validi consigli nei piani di studio e preparazione agli esami. Terminati gli studi frequentando la clinica del professor Franco Santoro nel reparto di piccola chirurgia diretta dal dott. Luca Creminelli progetta modella in cera e realizza nel proprio laboratorio fondendo in acciaio ciò che fino a quel momento non fu mai realizzato ossia la prima pinza per l estrazione dell’ ottavo incluso orizzontale presentata a Roma nel 2006 al 13° Congresso Nazionale del “COLLEGIO DEI DOCENTI DI ODONTOIATRIA “. A breve distanza dal brevetto della pinza è stato creato uno specchietto anch’ esso modellato in laboratorio in cera e fuso in acciaio che rappresenta la più valida alternativa al tradizionale specchietto odontoiatrico, ossia la possibilità di avere due specchietti in uno. Lo specchietto assieme alla pinza faranno la loro comparsa in seguito al 14° Congresso Nazionale del “ COLLEGIO DEI DOCENTI DI ODONTOIATRIA “.
Dal 2007 inizia il sodalizio con la ditta MEDESY srl con la quale si proficua un lungo periodo di ricerca nel campo dell’ implantologia e chirurgia e con l’occasione diamo un caloroso benvenuto al nostro bizzarro ricercatore augurandole buon lavoro e ringraziandolo per averci scelto come azienda leader nel settore odontoiatrico.

Prodotti

Pinze e specchietti

Casi Clinici

Estrazione
dell'VIII°Incluso
orizzontale inferiore

Odontotecnica

nelle Università
di Odontoiatria

Prodotti

La pinza del Dr. F.Comella.

È l’unica tenaglia da estrazione progettata particolarmente per la rimozione dei residui radicolari dei denti inclusi orizzontali mesioversi dell’ottavo inferiore.

Nella pratica odontoiatrica l’estrazione dell’ottavo incluso, sia superiore sia inferiore, resta uno degli interventi che richiedono la precisione più assoluta.

Dopo la fresatura della corona il dente è diviso in due parti: mesiale e distale.
La parte mesiale é accessibile e facile da estrarre, mentre quella distale risulta meno accessibile dai tradizionali strumenti e, in particolare le leve, possono provocare lacerazioni dei tessuti ossei e dei tessuti molli adiacenti, con interessamento, nei casi più estremi, del nervo linguale.

Con la pinza Comella invece si ha una precisa e ferma presa garantendo il rispetto dei tessuti adiacenti e riducendo il tempo di intervento per il comfort del paziente.

Lo specchietto del Dott. F. Comella.

Migliora l’ispezione del cavo orale, dei tessuti molli e dei denti posteriori e anteriori per trattamenti conservativi in quanto la sua forma particolare assicura un maggiore controllo dei tessuti stessi, una migliore protezione della lingua e una visione più ampia dei molari superiori e della cavità vestibolare. Inoltre la nuova forma “a goccia” porta maggiore luminosità all’interno della cavità orale.

Casi Clinici

Estrazione dell'VIII°Incluso orizzontale inferiore

All’anamnesi non ci sono patologie di interesse clinico il paziente di anni 20 presenta l’inclusione dei due ottavi inferiori seminclusi orizzontali parzialmente esposti appoggiati al nervo alveolare con interessamento a stadio batterico di entrambe le corone con aggravio della porzione distale della parete radicolare di 37-47 l’infiltrazione batterica produce essudato e odore maleodorante oltre al continuo fastidio dato dalla persistente situazione infiammatoria. Si procederà all’avulsione dei quattro ottavi. Inferiormente verrà adoperata anche la pinza Comella.
>Il caso: immagine dove si può notare l’esposizione parziale della corona
>Lembo a tutto spessore visione ampia del campo operatorio eseguire lembi ampi facilita la visione e aiuta l’operatore nella manovra
>Demolizione della zona vestibolare con frese ossee, manipolo dritto
>Demolizione della corona, manipolo 90°il taglio dovrà essere inclinato distalmente e il più dritto e profondo possibile
>Distacco della corona con uso di leva diritta
>Visione per intero del foro chirurgico
>Separazione della radice (nel caso di radici bifide ) con manipolo dritto
>Esportazione della porzione radicolare superiore con l’ausilio della pinza .Comella
>Immagine esterna dell‘azione precisa della pinza
>In questa immagine si può notare come l’uso appropriato della pinza abbia lasciato integro tutto il bordo del campo operatorio
>Simulazione su mandibola di plastica per l ‘osservanza di come eseguire i passaggi chirurgici
>Caso finito in 15 minuti al paziente sono state praticate attorno alla zona interessata delle infiltrazioni di cortisone
( Soldesan ) al fine di limitare il gonfiore ematico post-operatorio, nella foto si può intravedere lo specchietto del dott.F.Comella a goccia molto utile e pratico specialmente per interventi nella zona retromolare

Odontotecnica

Università di Odontoiatria

Il 13 Giugno 2008 è stata tenuta la lezione all'università statale di Milano di Odontoiatria agli studenti del primo anno accademico tema della lezione la preparazione preprotesica nelle riabilitazioni in metal-ceramica il dott.Fabrizio Comella al fianco del prof. Mario Anastasia titolare della cattedra di Materiali Dentari ha coinvolto gli studenti in argomenti di interesse prettamente tecnico facendo capire in maniera del tutto semplificata ciò che l'Odontoiatra giornalmente deve far fronte.
Il Dott. Fabrizio Comella nelle lezioni che si svolgeranno nel prossimo anno accademico affronterà facendo partecipare questa volta manualmente gli allievi a delle vere e proprie preparazioni per ogni tipo di problema protesico spaziando in tutti i tipi di protesi sia mobile che fissa grazie alla precedente esperienza di Odontotecnico che lo vedeva in prima linea per più di 20 anni al fianco di stimati medici e odontotecnici ai giovani Odontoiatri il Dott.F.Comella augura una piacevole e costruttiva partecipazione.